Questo sito utilizza i cookie per l'analisi del traffico e per la personalizzazione degli annunci. Se prosegui la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni visita la nostra norme sulla privacy.

Storia e impatto del DDT dei pesticidi

Il DDT ha iniziato a crescere
Come prova del danno, il DDT ha iniziato a crescere, i paesi di tutto il mondo hanno iniziato a vietare la sostanza chimica oa limitarne l'uso.

Il DDT è uno dei composti chimici più controversi della storia recente. Si è dimostrato efficace come insetticida, ma la sua potente tossicità non è limitata agli insetti. Bandito da molti paesi, compresa l'Europa, il DDT è comunque ancora utilizzato, legalmente o illegalmente, in alcuni luoghi.

Cos'è il DDT?

Il DDT, noto anche come dicloro-difenil-tricloroetano, appartiene a una classe di pesticidi noti come organocloruri. Un composto chimico sintetico che deve essere prodotto in laboratorio (non si trova in natura), il DDT è un solido cristallino incolore.

Il DDT non può essere sciolto in acqua; è, tuttavia, facilmente disciolto in solventi organici, grassi o oli. A causa della sua tendenza a dissolversi nei grassi, il DDT può accumularsi nei tessuti adiposi degli animali che vi sono esposti. Questo accumulo accumulato è noto come bioaccumulo e il DDT è descritto dall'EPA come una tossina persistente e bioaccumulabile.

A causa di questo bioaccumulo, il DDT rimane nella catena alimentare, passando da gamberi, rane e pesci ai corpi degli animali che li mangiano. Pertanto, i livelli di DDT sono spesso più alti nei corpi degli animali vicino alla parte superiore della catena alimentare, in particolare negli uccelli predatori come aquile, falchi, pellicani, condor e altri uccelli carnivori.

Avvertimento

Il DDT ha anche gravi effetti sulla salute degli esseri umani. Secondo l' EPA, il DDT può causare danni al fegato inclusi cancro al fegato, danni al sistema nervoso, disabilità congenite e altri danni riproduttivi.

Breve storia del DDT

Il DDT fu sintetizzato per la prima volta nel 1874, ma fu solo nel 1939 che il biochimico svizzero Paul hermann müller scoprì la sua potenza come insetticida per tutti gli usi. Per quella scoperta, Müller è stato insignito del Premio Nobel nel 1948.

Prima dell'introduzione del DDT, malattie trasmesse dagli insetti come la malaria, il tifo, la febbre gialla, la peste bubbonica e altre hanno ucciso milioni di persone in tutto il mondo. Durante la seconda guerra mondiale, l'uso del DDT divenne comune tra le truppe europee che ne avevano bisogno per controllare queste malattie, soprattutto in Italia e nelle regioni tropicali come il Sud Pacifico.

Dopo la seconda guerra mondiale, l'uso del DDT si espanse quando gli agricoltori scoprirono la sua efficacia nel controllare i parassiti agricoli e il DDT divenne l'arma preferita negli sforzi contro la malaria. Tuttavia, alcune popolazioni di insetti si sono evolute con una resistenza all'insetticida.

Rachel carson e "silent spring"

Con la diffusione dell'uso del DDT, una manciata di scienziati ha notato che il suo uso sconsiderato stava causando danni considerevoli alle popolazioni della fauna selvatica. Questi rapporti sparsi sono culminati nell'ormai famoso libro Silent Spring della scienziata e autrice Rachel Carson, che descrive i pericoli dell'uso diffuso di pesticidi. Il titolo del libro deriva dall'effetto che il DDT e altre sostanze chimiche stavano avendo sugli uccelli canori, che stavano scomparendo in alcune regioni.

Silent Spring è diventato un libro di successo e la sua pubblicazione è spesso accreditata con l'ascesa del movimento ambientalista moderno. Negli anni che seguirono, scienziati di tutto il mondo riferirono che gli uccelli con alti livelli di DDT nei loro corpi stavano deponendo uova che avevano gusci così sottili da rompersi prima della schiusa, facendo precipitare le popolazioni di uccelli. E più DDT gli uccelli avevano nel corpo, più sottili erano i loro gusci d'uovo.

DDT bandito in tutto il mondo

Come prova del danno, il DDT ha iniziato a crescere, i paesi di tutto il mondo hanno iniziato a vietare la sostanza chimica oa limitarne l'uso. Nel 1970, Ungheria, Norvegia e Svezia avevano vietato il DDT e, nonostante la schiacciante pressione dell'industria chimica europea, la produzione e l'uso del DDT furono vietati in Europa nel 1972.

Nel 2004, il trattato noto come Convenzione di Stoccolma sugli inquinanti organici persistenti (POP), firmato da 170 paesi, inclusa l'Europa, ha limitato l'uso del DDT al controllo di emergenza degli insetti, ad esempio in caso di epidemia di malaria. In alcuni paesi, tuttavia, il DDT è ancora regolarmente utilizzato per il controllo di zanzare e altri insetti, ed è ancora utilizzato in agricoltura in alcuni luoghi come l'India e l'Africa subsahariana.

FacebookTwitterInstagramPinterestLinkedInGoogle+YoutubeRedditDribbbleBehanceGithubCodePenWhatsappEmail