Questo sito utilizza i cookie per l'analisi del traffico e per la personalizzazione degli annunci. Se prosegui la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni visita la nostra norme sulla privacy.

Che cos'è l'eutrofizzazione e in che modo provoca la proliferazione delle alghe?

L'eutrofizzazione può avvenire anche fuori dall'acqua
L'eutrofizzazione può avvenire anche fuori dall'acqua; ad esempio, i suoli possono essere eutrofici quando hanno livelli elevati di azoto, fosforo o altri nutrienti.

L'eutrofizzazione è un problema ambientale delicato in tutto il mondo e, anche se ne conosciamo la causa, non si fa molto per risolverlo. Scopri i fatti sull'eutrofizzazione e sulla proliferazione algale che provoca.

Che cos'è?

In termini più semplici, l'eutrofizzazione è un'alta concentrazione di nutrienti in un corpo idrico. Questi nutrienti, solitamente azoto e fosforo, sono cibo per organismi acquatici come alghe, plancton o altri microrganismi. L'eutrofizzazione può avvenire anche fuori dall'acqua; per esempio, suoli possono essere eutrofici quando hanno livelli elevati di azoto, fosforo o altri nutrienti.

L'eutrofizzazione si verifica spesso quando le piogge che fuoriescono da terreni agricoli, campi da golf, campi da gioco e prati altamente fertilizzati entrano in un ruscello, un lago, un oceano o un altro specchio d'acqua. È anche comune quando le acque reflue, trattate o non trattate, entrano in un corpo idrico e quando il deflusso dalle fosse settiche entra in un ruscello o in uno stagno. Alcune delle peggiori fonti di nutrienti sono le operazioni di alimentazione animale concentrata.

Tutte queste fonti di deflusso ricco di sostanze nutritive sono un ottimo fertilizzante per le piante, ma quando questi nutrienti entrano nell'acqua, alimentano un boom demografico tra alghe e altri organismi. Il risultato è una fioritura algale, che sembra esattamente come sembra: ruscelli, laghi e oceani che prima erano limpidi sono improvvisamente verdi di alghe.

Questo è spesso indicato come feccia di stagno o lenticchia d'acqua quando è visto in laghi o torrenti. Quando si verifica l'eutrofizzazione nell'oceano e la popolazione di alcune specie di dinoflagellati microscopici esplode, l'acqua può diventare rossa, marrone o rosa - questo è comunemente indicato come marea rossa.

Sebbene la maggior parte dei casi peggiori di eutrofizzazione siano causati dall'attività umana, a volte si è verificata naturalmente. Quando un'alluvione primaverile lava enormi quantità di sostanze nutritive dalla terra in un lago, può verificarsi l'eutrofizzazione, sebbene di solito sia di breve durata.

Effetti sulla vita

Oltre ad essere brutto, quando si verifica una fioritura algale, ha un effetto devastante sugli animali acquatici. Man mano che grandi popolazioni di alghe e altri organismi si riproducono, anche molte muoiono e i loro corpi affondano sul fondo del lago o dell'oceano. Nel tempo, uno strato consistente di organismi morti e in decomposizione riempie il fondo.

I microbi che decompongono questi organismi morti usano l'ossigeno nel processo. Il risultato è l'esaurimento dell'ossigeno nell'acqua, una condizione nota come ipossia. Poiché la maggior parte dei pesci, dei granchi, dei molluschi e degli altri animali acquatici dipende dall'ossigeno tanto quanto gli animali terrestri, il risultato finale dell'eutrofizzazione e della fioritura algale è la creazione di un'area in cui nessun animale acquatico può vivere, una zona morta.

Le zone morte dovute all'eutrofizzazione sono un problema crescente in tutto il mondo. Secondo alcune fonti, il 54 per cento dei laghi asiatici è eutrofico. I numeri sono simili per i laghi in Europa, mentre nel Nord Europa quasi la metà dei laghi soffre di eutrofizzazione.

Questa perdita di vita acquatica ha un effetto devastante sulla pesca e sull'industria della pesca. Secondo i ricercatori del Carlton College che hanno studiato l'immensa zona morta nel Golfo del Messico, quel corpo idrico è una delle principali fonti per l'industria dei frutti di mare. Lo studio mostra: "Il Golfo fornisce il 72% dei gamberetti raccolti in Europa, il 66% delle ostriche raccolte e il 16% del pesce commerciale. Di conseguenza, se la zona ipossica [zona morta] continua o peggiora, i pescatori e le economie degli stati costieri saranno notevolmente colpito. "

L'impatto va oltre il settore della pesca. Anche la pesca ricreativa, che è un importante motore dell'industria del turismo, soffre di una perdita di entrate. Le fioriture di alghe possono avere un grave impatto sulla salute umana. Gli esseri umani possono ammalarsi gravemente mangiando ostriche e altri molluschi contaminati dalla tossina della marea rossa. Il dinoflagellato che causa le maree rosse può causare irritazione agli occhi, alla pelle e alle vie respiratorie, nonché una reazione allergica (tosse, starnuti, lacrimazione e prurito) a nuotatori, diportisti e residenti di quelle zone costiere.

Come controllarlo

Sono già state prese alcune misure per controllare la causa dell'acqua eutrofica. I detergenti a basso contenuto di fosfati stanno sostituendo le vecchie forme di detergenti con un alto contenuto di fosfati. Questo spostamento ha contribuito a impedire il flusso di nutrienti fosfatici nei corsi d'acqua e nei laghi.

L'aumento delle dimensioni e della diversità delle zone umide, degli estuari e delle aree naturali lungo i fiumi aiuta a gestire il deflusso di acque ricche di sostanze nutritive nei corsi d'acqua e negli oceani. Migliori impianti di trattamento delle acque reflue e regolamenti sulle fosse settiche riducono notevolmente i flussi di nutrienti, il che si traduce in un minor numero di fioriture algali.

Problema perpetuo

È chiaro che si tratta di una pressante preoccupazione ambientale. Tuttavia, poiché la domanda di maggiore produttività dei terreni agricoli continua ad aumentare, ciò continuerà a comportare un maggiore utilizzo di fertilizzanti ricchi di fosfati e azoto. Questi fertilizzanti sono uno dei principali colpevoli di causare la crescita di zone morte eutrofiche. Fino a quando questo problema non sarà completamente risolto, ci si può aspettare che queste zone morte continuino e continuino a perpetuare la difficile situazione ambientale.

FacebookTwitterInstagramPinterestLinkedInGoogle+YoutubeRedditDribbbleBehanceGithubCodePenWhatsappEmail