Questo sito utilizza i cookie per l'analisi del traffico e per la personalizzazione degli annunci. Se prosegui la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni visita la nostra norme sulla privacy.

La vita di Tree-Sitter Julia Hill

Hill ha scritto anche un manuale ambientale
Oltre a scrivere un bestseller, "The Legacy of Luna", Hill ha scritto anche un manuale ambientale, "One Makes the Difference".

Julia Hill, dopo aver trascorso 738 giorni in una sequoia, ha guadagnato un grado di credibilità ambientale che poche persone oggi possono eguagliare. Cosa motiva questa attivista e cosa ha fatto da quando è scesa sulla terra?

Julia hill: primi anni

Julia Lorraine Hill è nata il 18 febbraio 1974 a Mount Vernon, nel Missouri. Suo padre era un ministro evangelico itinerante e Julia Hill, i suoi due fratelli e sua madre giravano il paese in un camper di 32 metri. Trascorse molti giorni della sua prima infanzia giocando all'aperto nei boschi e nei fiumi vicino alle città dove suo padre predicava.

Quando era una ragazzina di sei anni, Julia Hill e la sua famiglia stavano facendo un'escursione quando una farfalla è atterrata sul suo dito ed è rimasta lì per l'intera escursione. Questo evento è stato l'origine del suo soprannome, Butterfly.

Julia Hill ha frequentato la Arkansas State University

Dopo che la sua famiglia si è stabilita in Arkansas, Julia Hill ha frequentato l'Arkansas State University, ma è andata a lavorare in vari bar e ristoranti a Fayetteville e dintorni. Nel 1996, quando aveva 22 anni, scoppiò una tragedia: Hill era alla guida di un'auto che era stata distrutta da un guidatore ubriaco e il volante del veicolo le penetrò nel cranio.

Ci sono voluti quasi un anno di intensa terapia fisica e cognitiva prima che Hill potesse camminare e parlare di nuovo normalmente, ma attribuisce a questo orribile incidente di averla aiutata a trovare la sua strada nella vita: "Il volante nella mia testa, sia in senso figurato che letterale, mi ha guidato in una nuova direzione nella mia vita... Quando mi ripresi, mi resi conto che tutta la mia vita era stata sbilanciata... Ero ossessionato dalla mia carriera, dal successo e dalle cose materiali. L'incidente mi ha svegliato all'importanza del momento e facendo tutto il possibile per avere un impatto positivo sul futuro ".

Alcuni osservatori hanno notato che l'incidente e il suo effetto sulla vita di Hill ha una strana somiglianza con un incidente industriale che ha quasi accecato l'ambientalista John Muir, che ha cambiato il suo modo di vivere dopo l'incidente e da allora in poi ha iniziato a combattere per la conservazione della natura selvaggia.

Hill e luna

Dopo il suo recupero, Hill ha intrapreso un viaggio in California che avrebbe cambiato la sua vita per sempre. Nel 1997, intimorita dalla "saggezza, energia e spiritualità" delle imponenti foreste di sequoie, si è messa in contatto con un gruppo di "tree sitters" nel nord della California che stavano protestando contro il netto disboscamento di sequoie da parte della Pacific Lumber Company occupando il alberi.

Hill ha accettato di unirsi alla protesta e nel giro di pochi giorni era a 180 metri da terra e viveva su un paio di piattaforme di sei piedi per sei in una sequoia di 1500 anni soprannominata Luna. Il suo primo periodo in Luna durò solo sei giorni, ma nel dicembre del 1997 iniziò un tree-sit che durò più di due anni.

Durante la sua permanenza a Luna, Hill ha combattuto malattie, molestie da elicotteri, temperature gelide, un assedio da parte delle guardie di sicurezza assoldate da Pacific Lumber, piogge torrenziali e venti violenti dell'inverno di El Niño e altre privazioni. Riscaldava i pasti su una piccola stufa a propano e si teneva al caldo rimanendo in un sacco a pelo giorno e notte.

Il suo coraggio e la sua tenacia hanno attirato l'attenzione dei media internazionali e Hill è diventata una sorta di eco-celebrità. Ha comunicato con i giornalisti e altri con un telefono cellulare a energia solare ed è apparsa in programmi televisivi via cavo come corrispondente "nell'albero".

Stanco della pubblicità negativa che Hill stava attirando, nel 1999 Pacific Lumber accettò una risoluzione che preservasse una zona cuscinetto di 200 metri intorno a Luna e ad altre sequoie secolari. Inoltre, un insediamento di 37300€ è stato dato a Pacific Lumber che è stato poi donato alla Humboldt State University della California per la ricerca forestale sostenibile. Solo allora, nel dicembre del 1999, Hill è sceso dalla Luna.

Nonostante questa vittoria, il destino di Luna non era intatto; l' anno dopo che Hill è scesa dalla sequoia, Luna è stata vandalizzata con una motosega, che ha lasciato uno squarcio profondo 81 cm su metà del possente tronco dell'albero. Solo gli sforzi dedicati degli arboricoltori, che hanno stabilizzato l'albero con cavi d'acciaio, hanno salvato la vita dell'albero.

La vita di Hill dopo la luna

Il suo tree-sitting con Luna è stato solo l'inizio dell'attivismo di Julia Hill. Oltre a scrivere un bestseller, "The Legacy of Luna", Hill ha scritto anche un manuale ambientale, "One Makes the Difference". Hill ha anche co-fondato la Circle of Life Foundation, che si è trasformata in Engage Network, un gruppo di attivismo sociale senza scopo di lucro.

Nel 2002, Hill è stato arrestato in Ecuador mentre protestava contro un oleodotto che minacciava le foreste delle Ande. Alla fine lei e altri manifestanti sono stati deportati. Hill continua a lavorare per le cause ambientali e sociali, mentre riflette anche sul suo prossimo impegno: "Il tree-sit e l'azione da allora hanno creato questo ruolo molto particolare che Julia Butterfly Hill ricopre... allo stesso tempo, sto cercando cosa c'è nel futuro per me, ed è così facile rimanere in quel ruolo che io e questo mondo abbiamo creato insieme. Ma so solo che ci sono aspetti che devono essere eliminati ".

Offre life coaching tramite il suo sito web e pubblica video blog.

FacebookTwitterInstagramPinterestLinkedInGoogle+YoutubeRedditDribbbleBehanceGithubCodePenWhatsappEmail