Questo sito utilizza i cookie per l'analisi del traffico e per la personalizzazione degli annunci. Se prosegui la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni visita la nostra norme sulla privacy.

Cos'è il brutalismo?

Sia con i difensori appassionati che con coloro che trovano ugualmente difficile da amare
Uno stile audace, schietto ed eternamente polarizzante, Brutalism non lascia nessuno indifferente, sia con i difensori appassionati che con coloro che trovano ugualmente difficile da amare.

Il brutalismo è uno stile di architettura degli anni '50 -'70, caratterizzato da strutture in calcestruzzo semplici, a blocchi e massicce che sono scioccanti agli occhi oggi come lo erano quando furono costruite per la prima volta. Il tuo edificio brutalista medio è un pezzo di architettura grafico memorabile, che ruba la scena che si distingue in mezzo alla folla, alterando per sempre gli skyline della città e incombendo sui paesaggi costruiti in tutto il mondo. Uno stile audace, schietto ed eternamente polarizzante, il brutalismo non lascia nessuno indifferente, sia con i difensori appassionati che con coloro che trovano ugualmente difficile da amare.

La storia del brutalismo

Il termine brutalismo, coniato dall'architetto svedese Hans Asplund come nybrutalismo e reso popolare dal critico di architettura britannico Reyner banham nel 1955, non è un riferimento alla natura discutibilmente brutale del suo aspetto, ma un gioco sulla frase francese per calcestruzzo grezzo, béton brut.

Emersa dal movimento modernista della fine del XIX secolo alla metà del XX secolo, l'architettura brutalista è nata negli anni '50. Si ritiene che l'iconica Cité Radieuse del celebre architetto modernista Le Corbusier a Marsiglia, in Francia, un'unità abitativa della classe operaia del dopoguerra per 1600 persone che fa parte del suo progetto di alloggi sociali Unité d'habitation, sia l'edificio che ha ispirato il movimento brutalista. Completato nel 1952, aveva una massiccia struttura disadorna in cemento armato piena di unità abitative modulari che era un modello per le società del dopoguerra che cercavano di ricostituire il patrimonio abitativo per le masse.

Il brutalismo si è diffuso in tutta Europa, nell'Unione Sovietica e in Europa (e nel mondo in paesi come Israele, Giappone e Brasile. L'architettura brutalista divenne una scelta popolare, anche se perennemente controversa, per edifici istituzionali come One Police Plaza di New York (1973) e Boston City Hall (1968), nonché biblioteche universitarie, parcheggi, chiese, centri commerciali, grattacieli di edilizia sociale come il Orgues de Flandre a Parigi e complessi culturali come la Hayward Gallery (1968) e il National Theatre (1976) sulla South Bank di Londra.

Il brutalismo iniziò a svanire negli anni '80, dove divenne sempre più considerato freddo, alienante e inadatto agli esseri umani. Si è scoperto che il calcestruzzo aveva un fascino di indistruttibilità ma si è deteriorato dall'interno, rendendolo difficile da mantenere e soggetto a sgretolarsi e danni causati dall'acqua con l'invecchiamento. Gli edifici brutalisti furono trascurati e coperti di graffiti, a simboleggiare il degrado urbano. L'abbraccio dell'architettura brutalista nell'Unione Sovietica fece sì che lo stile iniziasse anche a soffrire della sua associazione con il totalitarismo.

Da allora, il mondo si è diviso tra chi pensa che gli edifici brutalisti siano brutti occhi da demolire e chi trova questi capolavori architettonici d'epoca ma non ancora storici da custodire e preservare. A causa della loro pesante costruzione in calcestruzzo colato, gli edifici brutalisti sono difficili da ristrutturare, anche se un esempio riuscito è il Centre National de la Danse appena fuori Parigi, che ha aperto dopo che l'edificio originale del 1972 è stato riconvertito nel 2003. Sono anche difficili da demolire, il che rende ancora più complicato il dibattito pubblico sull'opportunità o meno di salvare queste enormi reliquie.

Mentre l'architettura è passata al postmodernismo degli anni '80 e '90 e agli stili contemporanei di oggi, in parte perché tutto torna di moda in un modo o nell'altro, e grazie a una recente ondata di libri e alla riscoperta del #brutalismo da parte di una nuova generazione sul web, Il brutalismo sta vivendo un momento, mostrando la sua influenza nel design contemporaneo di prodotti e interni, mobili, oggetti e persino siti web brutalisti.

Elementi chiave del brutalismo

  • Aspetto squadrato e pesante
  • Linee grafiche semplici
  • Mancanza di ornamenti
  • Sensazione utilitaristica
  • Tavolozza monocromatica
  • Utilizzo di esterni in cemento grezzo a vista (e talvolta mattoni)
  • Superfici ruvide e non finite
  • Utilizzo di materiali moderni come acciaio, vetro, pietra, gabbioni
  • Piccole finestre
  • Elementi modulari

Fatti interessanti sul brutalismo

La torre Trellick di Londra progettata dall'architetto Erno goldfinger è un'unità abitativa brutalista di 31 piani completata nel 1972 che ora ha lo status di punto di riferimento. Goldfinger è stato uno degli architetti modernisti chiamati a ricostruire e rifornire l'offerta di alloggi di Londra dopo le devastazioni della seconda guerra mondiale, ma non tutti sono fan del suo lavoro. L'autore di James Bond Ian Flemming odiava così tanto l'estetica di Goldfinger che ha chiamato la nemesi di Bond dopo di lui.

Gli edifici brutalisti sono luoghi popolari nei film e nelle serie televisive sulle distopie urbane.

Il brutalismo è una propaggine del modernismo.

FacebookTwitterInstagramPinterestLinkedInGoogle+YoutubeRedditDribbbleBehanceGithubCodePenWhatsappEmail