Questo sito utilizza i cookie per l'analisi del traffico e per la personalizzazione degli annunci. Se prosegui la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni visita la nostra norme sulla privacy.

Tecnica corretta per appendere il muro a secco

L'uso di chiodi per cartongesso era il metodo standard per fissare i pannelli per cartongesso ai membri
Un tempo, l'uso di chiodi per cartongesso era il metodo standard per fissare i pannelli per cartongesso ai membri del telaio, ma oggigiorno la maggior parte delle installazioni si basa su viti per cartongesso.

L'installazione del muro a secco, a volte indicato come muro a secco sospeso, è uno di quei progetti "big bang per il dollaro". Con un piccolo investimento finanziario è possibile modificare sostanzialmente l'aspetto di uno spazio non finito, come un garage, in poco tempo. Il successo dell'installazione del muro a secco dipende dal corretto ancoraggio dei pannelli del muro a secco agli elementi del telaio.

Sebbene tu possa installare il muro a secco da solo, il lavoro sarà molto più semplice se hai uno o due aiutanti, specialmente se stai coprendo il soffitto. Il muro a secco è fissato all'inquadratura con viti o chiodi per cartongesso. Il primo passo nel processo, quindi, è controllare perni e travetti per archi o torsioni. Le pareti finite avranno un aspetto migliore se sono il più piatte possibile. Ispeziona visivamente i montanti o i travetti per vedere se sono allineati su un piano diritto. In alternativa, tieni una tavola lunga e dritta o livella sull'inquadratura.

Se sporgono elementi del telaio, tagliali con una sega o una pialla (una pialla elettrica è perfetta per questo lavoro). Riempi i punti bassi con spessori attaccati con chiodi o colla.

Scegli un dispositivo di fissaggio per cartongesso

Un tempo, l'uso di chiodi per cartongesso era il metodo standard per fissare i pannelli per cartongesso ai membri del telaio, ma oggigiorno la maggior parte delle installazioni si basa su viti per cartongesso. Le viti per cartongesso hanno una testa scanalata progettata per rientrare leggermente al di sotto della superficie della carta per cartongesso senza romperla e filettature grossolane per la migliore tenuta nel nucleo di gesso del muro a secco. Le viti possono essere guidate più velocemente dei chiodi, con meno possibilità di danneggiare la faccia del muro a secco; tengono anche il muro a secco sull'inquadratura meglio dei chiodi.

Lo strumento migliore per fissare il muro a secco è un fucile a vite, che può essere regolato per guidare le viti alla profondità perfetta. Puoi anche usare un trapano a batteria con una frizione regolabile, oppure puoi usare speciali punte per viti per cartongesso che si adattano a un mandrino. Queste punte sono progettate per smettere di girare quando la vite raggiunge la profondità desiderata.

Se preferisci l'approccio "retrò" e opti per l'inchiodatura, usa un martello per cartongesso, che ha una faccia curva che lascia una piccola fossetta intorno alla testa del chiodo. E usa chiodi per cartongesso con gambo ad anello. Le viti devono penetrare nell'intelaiatura di almeno 1,60 cm, il che significa che viti facili da trovare da 3,20 cm saranno sufficienti sia per i pannelli di cartongesso da 1,30 cm che da 1,60 cm. I chiodi devono penetrare nell'inquadratura di almeno 1,90 cm.

Evitare di sovraccaricare gli elementi di fissaggio del muro a secco

Viti e chiodi devono essere guidati sotto la superficie del muro a secco in modo che possano essere coperti con composto per giunti e levigati per creare una superficie liscia. Ma non dovrebbero essere spinti così in profondità da strappare la superficie della carta e danneggiare il nucleo di gesso. Una volta strappata la carta, si perde gran parte della forza di tenuta del dispositivo di fissaggio.

Il muro a secco è fissato all'inquadratura con viti o chiodi per cartongesso
Il muro a secco è fissato all'inquadratura con viti o chiodi per cartongesso.

Un dispositivo di fissaggio correttamente guidato è solo leggermente svasato sotto la superficie. La profondità della vite può essere controllata con un avvitatore o un trapano a batteria con una frizione regolabile, ma una corretta tecnica di percussione richiede un po 'di pratica.

Attacca il muro a secco

Se stai coprendo sia le pareti che il soffitto, inizia con il soffitto. Quando si attacca il muro a secco ai travetti del soffitto distanziati di 41 centimetri al centro, i dispositivi di fissaggio devono essere distanziati di 30 centimetri l'uno dall'altro. Sui montanti delle pareti, la distanza massima tra i dispositivi di fissaggio dovrebbe essere di 41 centimetri. Avvitare le viti in ogni perno sotto il pannello.

Attaccare gli elementi di fissaggio ogni 20 centimetri lungo i bordi non tassellati, ma tenerli ad almeno 1 cm dal bordo per evitare di danneggiare l'anima in gesso. Quando si usano i chiodi, pianificare un "doppio chiodo" (cioè, guidare un secondo chiodo a 5 centimetri dal primo in ogni posizione di fissaggio) lungo la faccia del muro a secco.

Dopo aver coperto il soffitto, attaccare i fogli superiori al muro. Prima di farlo, però, segnare le posizioni dei perni sui bordi del muro a secco del soffitto con una matita. Ciò renderà più facile trovare i centri dei montanti quando si inseriscono le viti nei pannelli a parete.

Una volta contrassegnate le posizioni dei perni, sollevare il pannello in posizione. Inserire una vite nella parte inferiore del pannello in un perno centrale, quindi uscire e salire sul pannello. Sollevare il pannello in posizione sulle viti, quindi afferrare il fucile con una mano mentre si fa scorrere il pannello in posizione con l'altra mano e la spalla.

I pannelli inferiori dovrebbero adattarsi perfettamente ai pannelli superiori. Il modo più semplice per gestirlo è utilizzare un sollevatore per cartongesso. I modelli commerciali sono i migliori, ma puoi fare una leva adatta con un paio di scarti di legname.

Suggerimenti per l'installazione del muro a secco quando si lavora da soli

Il modo migliore per installare il muro a secco è avere un aiuto (un aiutante è sufficiente per i muri, ma due aiutanti sono ideali per i soffitti). A volte, tuttavia, il lavoro non vede l'ora che arrivi l'aiuto. Quando affronti la prospettiva di appendere il muro a secco da solo, ecco alcuni suggerimenti che renderanno il lavoro più gestibile.

  • Noleggia un ascensore per cartongesso. Un ascensore per cartongesso può tenere un pannello in posizione contro il soffitto o contro il muro, liberando entrambe le mani per inserire facilmente le viti.
  • Crea il tuo ascensore. Le parentesi graffe fatte in casa non sono efficaci come un ascensore, ma sono facili da montare ed economiche. Crea un tutore attaccando un 2x4 lungo 4 metri a una gamba 2x4 a tutta lunghezza. Il tutore a forma di T dovrebbe essere circa un pollice più lungo dell'altezza del soffitto. Creane due.
    Appoggia il rinforzo contro il muro con una leggera angolazione, quindi appoggia un'estremità di un pannello di cartongesso sul rinforzo mentre sollevi l'altra estremità in posizione. Fai scorrere il secondo rinforzo sotto l'altra estremità del pannello mentre lo sollevi in posizione. Regolare il pannello e le staffe fino a quando il pannello è allineato correttamente.
    Se stai lavorando con un aiutante, considera la possibilità di creare un tutore unico che serva come un set di mani extra.
  • Dagli una pausa. Quando si installano i pannelli superiori su una parete, potrebbe essere più facile maneggiare il pannello appoggiandolo su viti infilate temporaneamente nei montanti a circa 127 centimetri sotto il soffitto. Sollevare il pannello in posizione sulle viti, quindi afferrare rapidamente il fucile a vite o trapanare con una mano mentre si fa scorrere il pannello verso l'alto con l'altra mano e la spalla.
FacebookTwitterInstagramPinterestLinkedInGoogle+YoutubeRedditDribbbleBehanceGithubCodePenWhatsappEmail