Questo sito utilizza i cookie per l'analisi del traffico e per la personalizzazione degli annunci. Se prosegui la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni visita la nostra norme sulla privacy.

Pavimenti resilienti: più di un eufemismo per il vinile

Pavimenti in legno massiccio e pietra naturale
Ciò include, ma non è limitato a, piastrelle in ceramica e gres porcellanato, pavimenti in legno ingegnerizzato, pavimenti in laminato, pavimenti in legno massiccio e pietra naturale.

Il pavimento resiliente è un termine generico e generico che si riferisce ai rivestimenti per pavimenti che occupano una via di mezzo tra i pavimenti morbidi (come la moquette) e i pavimenti duri (come la pietra o il legno duro).

La pavimentazione resiliente è definita dagli esperti del Resilient Floor Covering Institute (RFCI) come una pavimentazione solida, ma che ha un "cedimento o rimbalzo".

Pertanto, la moquette non è un pavimento resiliente perché ha "cedimento" ma non è solido. Il pavimento in legno duro non è un pavimento resiliente perché è solido ma ha poco "dare".

Alcuni rivestimenti per pavimenti che rientrano in questa definizione sfuggono alla categoria resiliente. Con il suo nucleo in fibra di legno e il sottostrato in schiuma, il pavimento in laminato fornisce sia fermezza che "molla". Eppure è considerato un rivestimento per pavimenti duro.

6 tipi di pavimentazione vanno sotto il moniker "resiliente"

Secondo il gruppo industriale Resilient Floor Covering Institute (RFCI), solo sei tipi di rivestimenti per pavimenti possono essere definiti pavimenti resilienti:

  1. Vinile: il vinile rappresenta la quota di maggioranza del mercato dei pavimenti resilienti. Ciò include la piastrella in vinile (VCT), la piastrella in vinile solido (SVT) e la piastrella in vinile di lusso (LVT) o le plance (LVP).
  2. Linoleum: questo predecessore del pavimento in vinile è un prodotto naturale a base di olio di lino, legno, pietra calcarea, sughero e resine. Oggi si presenta in tre forme: piastrelle incollate, assi che si incastrano e fogli di grandi dimensioni.
  3. Sughero: un prodotto organico a base di sughero tagliato a fettine sottili dagli alberi, il sughero è diventato un prodotto per pavimenti "verde" o ecologico preferito.
  4. Gomma: una volta realizzata con gomma organica da alberi di gomma, questa categoria di pavimenti è ora prodotta principalmente da gomme sintetiche. La gomma riciclata viene talvolta utilizzata nelle case, più spesso per la pavimentazione di palestre o studi di yoga.
  5. Asfalto: la maggior parte delle persone non ha mai sentito parlare di pavimentazione in asfalto. RFCI lo chiama "unità di pavimentazione obsoleta".
  6. Pavimenti polimerici senza giunti: Raramente trovati nelle residenze e mai installati in modo fai-da-te, questi pavimenti iniziano come liquidi e, come suggerisce il nome, questo liquido viene versato per formare una superficie dura dopo la polimerizzazione.

Tutto il resto non è resiliente

Ogni tipo di rivestimento per pavimenti non elencato sopra sarebbe escluso dalla categoria dei pavimenti resilienti. Ciò include, ma non è limitato a, piastrelle in ceramica e gres porcellanato, pavimenti in legno ingegnerizzato, pavimenti in laminato, pavimenti in legno massiccio e pietra naturale.

Benefici

Gli appassionati di pavimenti in legno massello e pietra naturale spesso dimenticano che i pavimenti resilienti offrono vantaggi distinti, come ad esempio:

  • Durevole: alcuni linoleum installati più di un secolo fa sono ancora resistenti.
  • Flessibile: pavimenti resilienti colmano piccoli urti e fessure.
  • Economico: un tipo di pavimento resiliente, il vinile, è sempre il rivestimento per pavimenti più economico che puoi acquistare.

I problemi

La ceramica si incrina, il legno massiccio si gonfia quando è bagnato e i laminati vengono de-laminati. Ogni tipo di pavimentazione ha la sua serie unica di problemi. Anche la pavimentazione resiliente, nonostante tutti i suoi vantaggi, ha alcuni aspetti negativi.

  • Rientranza: piccoli punti di pressione, come le gambe di un tavolo o i piedini dell'apparecchio, possono penetrare in modo permanente sul pavimento resiliente.
  • Valore incoerente: la pavimentazione resiliente è ovunque quando si tratta del valore percepito dall'acquirente. Anche all'interno della sottocategoria del vinile, è possibile installare marchi di vinili di lusso premium di alta qualità come Mannington, Shaw o Karndean o quadrati in vinile di bassa qualità (ma economici) che potrebbero staccarsi molto prima che si logorino.

Un eufemismo per pavimenti in vinile

Alla fine, il termine pavimento in vinile è diventato associato alle menti degli acquirenti per pavimenti inferiori. Produttori e rivenditori di pavimenti iniziarono a sostituire il pavimento resiliente con il pavimento in vinile.

Di recente, rivenditori e produttori sono tornati lentamente a utilizzare il termine "vinile". Con l'introduzione di prodotti di fascia alta come i pavimenti in vinile di lusso (LVF), gran parte dello stigma legato alla parola "vinile" sembra non essere più a posto.

FacebookTwitterInstagramPinterestLinkedInGoogle+YoutubeRedditDribbbleBehanceGithubCodePenWhatsappEmail