Questo sito utilizza i cookie per l'analisi del traffico e per la personalizzazione degli annunci. Se prosegui la navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni visita la nostra norme sulla privacy.

Scopri cosa succede quando un circuito elettrico si sovraccarica

Il primo passo per prevenire il sovraccarico del circuito elettrico è apprendere quali circuiti alimentano
Il primo passo per prevenire il sovraccarico del circuito elettrico è apprendere quali circuiti alimentano quali dispositivi.

Se hai mai collegato troppe luci natalizie, acceso un aspirapolvere o acceso una stufetta solo per far spegnere improvvisamente le luci o l'apparecchio, hai creato un sovraccarico del circuito elettrico. L'arresto è stato attivato dall'interruttore del circuito (o dai fusibili) nel pannello di servizio della tua casa. E sebbene gli interruttori automatici siano affidabili e facciano un buon lavoro prevenendo gli incendi domestici dovuti a sovraccarichi, la strategia più sicura è gestire il consumo di elettricità per prevenire i sovraccarichi in primo luogo.

Cos'è un sovraccarico del circuito elettrico?

I circuiti elettrici sono progettati per gestire una quantità limitata di elettricità. Un sovraccarico si verifica quando si consuma più elettricità di quanta un circuito possa gestire in sicurezza. I circuiti sono costituiti da cavi, un interruttore (o un fusibile, nei vecchi sistemi di cablaggio) e dispositivi (come lampadari, elettrodomestici e qualsiasi cosa collegata a una presa). Il consumo di elettricità di ciascun dispositivo (durante il funzionamento) si aggiunge al CARICO totale sul circuito. Il superamento del carico nominale per il cablaggio del circuito provoca l'intervento dell'interruttore, interrompendo l'alimentazione dell'intero circuito.

Se non ci fosse un interruttore nel circuito, un sovraccarico provocherebbe il surriscaldamento del cablaggio del circuito, che potrebbe fondere l'isolamento del filo e provocare un incendio. Circuiti diversi hanno valori di carico diversi in modo che alcuni circuiti possano fornire più elettricità di altri. I sistemi elettrici domestici sono progettati in base all'uso domestico tipico, ma nulla ci impedisce di collegare troppi dispositivi sullo stesso circuito. Tuttavia, più conosci il layout dei circuiti della tua casa, più facilmente puoi prevenire i sovraccarichi.

Segni di circuiti sovraccarichi

Il segno più evidente di un sovraccarico del circuito elettrico è l' intervento di un interruttore che interrompe tutta l'alimentazione. Altri segni possono essere meno evidenti:

  • Luci attenuate, soprattutto se si attenuano quando accendi elettrodomestici o più luci.
  • Prese o interruttori ronzanti.
  • Coperchi per prese o interruttori che sono caldi al tatto.
  • Odori di bruciato da prese o interruttori.
  • Spine o prese bruciate.
  • Utensili elettrici, elettrodomestici o dispositivi elettronici che sembrano privi di potenza sufficiente.

Ronzii, odori di bruciato e dispositivi insolitamente caldi possono anche indicare altri problemi di cablaggio, come collegamenti allentati o cortocircuiti. Se uno qualsiasi di questi problemi persiste dopo aver preso provvedimenti per evitare sovraccarichi del circuito, contattare un elettricista.

Mappatura dei circuiti di casa tua

Il primo passo per prevenire il sovraccarico del circuito elettrico è imparare quali circuiti alimentano quali dispositivi. Dopo aver mappato il layout del circuito di base, è possibile calcolare il valore di carico di sicurezza di ciascun circuito per avere un'idea di quante cose è possibile operare su quel circuito. Ad esempio, se le luci della tua cucina si abbassano quando accendi il tostapane (un elettrodomestico che consuma molta energia), ciò ti dice che il tostapane e le luci sono sullo stesso circuito (anche se non dovrebbero esserlo) e che sei vicino per massimizzare la capacità del circuito. La mappatura dei circuiti può anche dirti se c'è bisogno di nuovi circuiti per soddisfare le normali esigenze della famiglia.

I circuiti di mappatura sono semplici (se ripetitivi): prendi un blocco note e una matita. Apri la porta del pannello di servizio della tua casa (scatola degli interruttori) e spegni uno degli interruttori con il numero 15 o 20 stampato all'estremità dell'interruttore. (Non preoccuparti degli interruttori contrassegnati con 30, 40, 50 o numeri superiori; questi sono circuiti ad alta tensione per apparecchi come cucine elettriche, scaldabagni e asciugatrici, e non stai collegando apparecchi ordinari a questi circuiti.) Nota sul pad dove si trova il circuito nel pannello in modo da poterlo identificare in seguito.

Quindi, attraversa la casa e prova tutte le luci, i ventilatori a soffitto e gli elettrodomestici plug-in. Annotare tutto ciò che non ha alimentazione e annotare la stanza in cui si trova. Inoltre, testare ciascuna presa con un tester di tensione o un tester per prese, o anche una luce o una lampada plug-in, registrando tutto ciò che non funziona. Non devi necessariamente attraversare l'intera casa per ogni circuito. E se il tuo elettricista è stato accurato, potrebbero esserci etichette utili accanto agli interruttori, che indicano le aree del circuito ("camera da letto sud-est", "luci del garage", ecc.). Ma per una mappatura accurata, dovresti testare ogni area in generale perché i circuiti possono avere membri strani, ad esempio un forno a microonde su un circuito di illuminazione del corridoio.

Dopo aver testato l'area del circuito, torna al pannello, accendi il primo interruttore, quindi spegni il successivo nella riga e ripeti il test. Ripetere il processo per tutti i circuiti "15" e "20".

Calcolo dei carichi del circuito

La mappa del circuito indica quali dispositivi sono alimentati da ciascun circuito. Ora devi calcolare quanta potenza stanno utilizzando questi dispositivi. Per farlo, hai bisogno di una breve lezione di energia elettrica. L'elettricità è misurata in watt; una lampadina da 100 watt utilizza 100 watt di elettricità. Un watt è il prodotto di tensione (volt) e amperaggio (ampere):

Per un circuito da 20 amp
Per un circuito da 15 A, l'obiettivo di carico sicuro è di 1440 watt; per un circuito da 20 amp, il carico sicuro è di 1920 watt.

1 volt x 1 amp = 1 watt

Per calcolare il carico totale su ciascun circuito, somma il wattaggio di tutti i dispositivi su quel circuito. Le lampadine e molti piccoli elettrodomestici hanno etichette che indicano il loro wattaggio. Se un dispositivo fornisce solo amplificatori, moltiplica il valore dell'amplificatore per 120 (la tensione dei circuiti standard) per trovare il wattaggio. Includere tutti i dispositivi collegati in modo permanente al circuito e gli apparecchi plug-in che non si sposta molto spesso (come un tostapane o una stufa in una stanza particolarmente fredda).

Confronta il wattaggio totale di ciascun circuito con il valore di carico di quel circuito. I circuiti con interruttori "15" sono classificati per 15 ampere. La capacità di carico massima di uno di questi circuiti è di 1800 watt:

120 volt x 15 ampere = 1800 watt

Se provi a utilizzare più di 1800 watt su quel circuito, lo sovraccaricherai e l'interruttore scatterà.

I circuiti con interruttori da "20" sono classificati per 20 ampere e hanno una capacità di carico massima di 2400 watt:

120 volt x 20 ampere = 2400 watt

Confronta il wattaggio totale (quanta elettricità stai utilizzando) e il valore di carico per ciascun circuito. Ad esempio, un circuito da 15 ampere che serve luci e prese in una zona giorno potrebbe fornire alimentazione per 500 watt per l'illuminazione, 500 watt per la TV e il decoder via cavo e 200 watt per il sistema audio, per un totale di 1200 watt. Se si collega un aspirapolvere da 700 watt mentre la TV, lo stereo e le luci sono accese, si supererà la potenza nominale di 1500 watt sull'interruttore automatico, provocando lo scatto e l'interruzione dell'alimentazione.

Soluzioni

Il carico massimo su ogni circuito non è l'obiettivo ideale. Per un margine di sicurezza, è meglio se il carico normale su un circuito non supera l'80 percento del carico massimo (nominale). Per un circuito da 15 A, l'obiettivo di carico sicuro è di 1440 watt; per un circuito da 20 amp, il carico sicuro è di 1920 watt.

Se i calcoli del tuo circuito indicano che stai assorbendo più watt da un circuito rispetto al numero di carico sicuro, o stai superando il carico nominale e sovraccaricando frequentemente il circuito, ci sono alcuni modi per ridurre il carico sul circuito per prevenire il sovraccarico:

  • Spostare gli apparecchi plug-in su un circuito meno utilizzato (utilizzare la mappatura e i calcoli del circuito per identificare i circuiti che hanno molti wattaggi disponibili).
  • Ricorda di non attivare troppe cose contemporaneamente. Ad esempio, spegni la TV e il sistema audio mentre passi l'aspirapolvere (non puoi comunque sentirli).
  • Riduci i carichi di illuminazione sostituendo le lampadine a incandescenza o alogene con lampadine a LED (preferibilmente) o CFL (fluorescenti) a risparmio energetico.
  • Installa nuovi circuiti per dispositivi ad alta richiesta. Ad esempio, se utilizzi molti utensili elettrici nella tua officina, ma il tuo garage è cablato con tutte le prese e le luci sullo stesso circuito da 15 A, installa un nuovo circuito da 20 A che fornisca alcune nuove prese per il tuo utensili.
FacebookTwitterInstagramPinterestLinkedInGoogle+YoutubeRedditDribbbleBehanceGithubCodePenWhatsappEmail